FORTI SCOSSE SISMICHE

IN LUNGARNO DEL TEMPIO!!!

Stamattina, agenti della digos e carabinieri hanno sgomberato la spazio anarchico liberato la “Gatta Gnuda” facendone immediatamente seguire la sua distruzione con l’intervento delle ruspe manovrate dai soliti conosciuti operai mercenari.

Lo spazio, recuperato e rivitalizzato, era stato restituito al godimento e

all’uso collettivo…

Il tempo é stato poco ma questo é solo l’inizio!!!

Tenetevi pure le macerie, noi puntiamo all’universo

TUTTI IN CULO…SI VA AVANTI!

Quelli/e della Gatta Gnuda

firenze 30/05/12

 

Posted in General | Commenti disabilitati su

Festa al 2 giugno

Fratelli Rossi in concerto

Fratelli Rossi in concerto

Posted in General | Commenti disabilitati su Festa al 2 giugno

Tutti i Mercoledi

Posted in General | Commenti disabilitati su Tutti i Mercoledi

17 maggio alla gatta “La Festa di Calabresi”

Posted in General | Commenti disabilitati su 17 maggio alla gatta “La Festa di Calabresi”

Poesia, memoria e critica del carcere con Sante Notarnicola

“…dopo tentai di gettare l’anima
al di là del muro. Zelante
il guardiano me la sbattè sul muso “

poesia, memoria e critica del carcere
con SANTE NOTARNICOLA

Arrestato nel 1967 per le rapine del gruppo passato alla storia come “Banda Cavallero”,
Sante Notarnicola è stato un pioniere di quel movimento di rivolta che ha scosso dal profondo le carceri italiane negli anni Settanta, strappando conquiste per tutti i carcerati e mettendo alle corde per oltre un decennio l’autorità degli infami secondini. Ma Sante Notarnicola è anche un poeta, che ha disseminato di parole fortissime e delicate i suoi 25 anni di prigionia. Un diario di storie e di sofferenza, di lotte e dignità. Un canto d’amore alla libertà che, nonostante tutto, non si arrende.

VENERDI’ 11 MAGGIO 2012 a partire dalle 17.30
Letture Memorie Dibattito
A seguire cena e proiezioni

A VILLA PANICO
(in quel di san salvi)

Posted in General | Commenti disabilitati su Poesia, memoria e critica del carcere con Sante Notarnicola

BanKKKe

	Ci risiamo. Ecco l’arrivo in pompa magna degli ennesimi presuntuosi capi e capetti, che pretendono di venire a discutere la via della salvazione di noi tutti dalla crisi di un sistema economico che niente ha a che vedere con l’economia reale, che vorrebbero spiegarci la causa delle nostre difficoltà, dei nostri malesseri, scaricando meschinamente le responsabilità su chi li ha preceduti, come se essi stessi si fossero appena affacciati ai piani alti del potere, come se i problemi fossero iniziati con la crisi economica, come se la questione urgente sia dunque uscire da questa crisi, a spese tra l’altro di coloro che maggiormente ne subiscono le conseguenze, per riprendere finalmente la via dello “sviluppo”, quello delle banche e delle multinazionali.
Ecco che, dall’alto della loro preparazione accademica, arrivano ad offrirci la loro medicina. Ci spiegano che dobbiamo sacrificarci in nome della ripresa economica, che dobbiamo affidarci ad una politica di finanziamento di quelle stesse banche che la crisi l’hanno creata e con le quali la politica istituzionale ha da sempre viaggiato a braccetto, ingrassando a dismisura sulle spalle di masse sapientemente allevate a pane e menzogne, convinte che quello della delega sia il massimo strumento di partecipazione politica, che la felicità stia nel denaro, che la televisione e i giornali dicano la verità, che la mia auto sia più bella della tua, che le guerre siano missioni di pace, che gli immigrati puzzino, che la legalità sia un dovere a prescindere dalla natura delle leggi, che l’istruzione di Stato sia un diritto e il lavoro un dovere, che Michael Jackson fosse un alieno.
Questi loschi personaggi non sono che gli ultimi degli innumerevoli rappresentanti dell’ordine costituito, che preservano brutalmente da una parte attraverso l’addomesticamento sociale, e dall’altra con la repressione di quegli individui che i compromessi non li accettano, che non credono che la causa di tutti i mali sia la crisi, che sanno bene che il vero problema è il potere sempre più centralizzato, che finché questo esisterà l’angoscia e l’alienazione continueranno a soffocare gli animi, e che dunque andrà combattuto “con ogni mezzo necessario”.
Non solo non siamo disposti a pagare quel debito che qualcuno ha contratto attraverso i suoi sporchi giochi finanziari. Prima ancora non siamo disposti a riconoscere la presunta autorità di questi signori, ottenuta attraverso l’inganno democratico e perpetuata sul falso presupposto della necessità di un potere centrale che garantisca quell’ ”ordine” e  quella “sicurezza” che, lungi dal “proteggere” i cittadini, sono strettamente funzionali alla conservazione di tale potere.
Ne’ pecore ne’ pastori. Azione diretta! Autogestione!
                                                                                    ANARCHICI
Posted in General | Commenti disabilitati su BanKKKe

Cinema

Mercoledi alla GattaGnuda

L’albero di Guernica di Fernando Arrabal (1975) Durata 100 min.

Ambientato in un povero villaggio della Castiglia (reinventato dal regista poeta tra i Sassi di Matera) prima e durante la guerra civile, è la storia della contadina Vandal e di Goya, figlio di un latifondista, che s’incontrano a Guernica il giorno del bombardamento aereo nazista (aprile 1937) e tornano a Villa Ramiro a combattere contro i ribelli franchisti. Pur nei suoi limiti retorici e con le sue sbavature, ha momenti di sfrenata fantasia goyesca e di straripante sincerità nella sua miscela surrealistica di tenerezza e furore.

Posted in General | Commenti disabilitati su Cinema

Cinema

Titolo: Cinema
Luogo: La Gatta Gnuda
Descrizione: I Viaggiatori della sera, un film di Ugo Tognazzi, con Ugo Tognazzi e Ornella Vanoni.(1979)
Ora inizio: 21:00
Data: 02-05-2012

Posted in General | Commenti disabilitati su Cinema

Alla Gatta

Posted in General | Commenti disabilitati su Alla Gatta